top of page
PASSO 1

materiali grezzi

simply-suzette-denim-supply-chain-101-step-1-raw-material.png

Tutto inizia in un campo. Il denim è fatto per la maggior parte di cotone, che è un raccolto difficile, richiede un clima molto specifico (un lungo periodo senza gelo, molto caldo e molto sole) e terreno (sabbioso e fertile). Il cotone beve molta acqua e, poiché non è un alimento, ci sono meno limiti su quali sostanze chimiche possono essere utilizzate per coltivarlo.

cosa come

Tutto inizia in un campo. Il denim è fatto per la maggior parte di cotone, che è un raccolto difficile, richiede un clima molto specifico (un lungo periodo senza gelo, molto caldo e molto sole) e terreno (sabbioso e fertile). Il cotone beve molta acqua e, poiché non è un alimento, ci sono meno limiti su quali sostanze chimiche possono essere utilizzate per coltivarlo. È facile intuire che la sostenibilità del cotone varia in base a quanta acqua e quante sostanze chimiche vengono utilizzate su di esso.

 

Esiste una serie di dati sull'uso del cotone dei pesticidi: copre il 2,4-3% della terra coltivata mondiale, eppure rappresenta il 16-24% dell'uso globale di insetticidi ( fonte 1 ,  fonte 2 ). Indipendentemente dal valore esatto, possiamo essere d'accordo sul fatto che l'uso di sostanze chimiche è elevato.

Il cotone si è guadagnato la reputazione di avere una seria impronta ambientale, ma è stata la principale fibra scelta dal denim sin dagli albori dei suoi tempi. Man mano che veniamo a conoscenza dell'impatto ambientale del cotone, fabbriche e produttori stanno cercando alternative per ridurre la dipendenza del denim dal cotone. Ma, per ora, il cotone è ancora la fibra primaria nella produzione di denim e, con una buona gestione, non deve essere così male per il pianeta.

Il cotone è diventato molto industrializzato e viene coltivato principalmente in monocoltura (un'area in cui viene prodotto un solo tipo di coltura) con un forte uso di pesticidi. Tuttavia, secondo idh, circa il 99% dei coltivatori di cotone del mondo in 70 paesi sono piccoli proprietari, che producono il 75% dei 25 milioni di tonnellate della produzione mondiale di cotone ogni anno. I piccoli proprietari sono agricoltori che vivono principalmente in paesi in via di sviluppo che ora possiedono vaste aree di terra, spesso inferiori a 2 ettari, dipendono dalla produzione agricola per il loro sostentamento e sono  molto dipendente dai rendimenti .

Un altro grosso problema in tutta l'agricoltura, e in particolare nel cotone, è lo stato di salute del suolo. La coltivazione degrada gravemente la qualità del suolo, ovvero la quantità di fertilizzanti che contiene, la capacità che ha di assorbire l'acqua ed evitare i deflussi, ecc. Nonostante l'area globale dedicata alla coltivazione del cotone sia rimasta costante negli ultimi 70 anni, la produzione di cotone ha esaurito e degradato il suolo in molte zone. La maggior parte del cotone viene coltivato su campi ben consolidati, ma il loro esaurimento porta a   l'espansione in nuove aree e la conseguente distruzione dell'habitat .

Alla fine del 19° secolo, il denim era fatto solo di cotone ed era spesso e resistente. Le cose cambiarono poi nel 1958 con l'invenzione dello Spandex, che è una versione elastica del poliestere, che permette ai jeans di espandersi e tornare alla loro forma originale. Il problema con tutti i materiali simili allo spandex (lycra ed elastan per citarne due) è che sono fatti di un polimero sintetico chiamato poliuretano. Come tutti i materiali a base plastica, non è rinnovabile, in quanto deriva da combustibili fossili, e ha un elevato impatto ambientale in termini di estrazione delle materie prime e dei prodotti chimici utilizzati nella lavorazione.

Ora il denim è composto principalmente da una combinazione di cotone con:

+ Poliestere per una maggiore durata

+ Spandex / Elastan / Lycra elasticizzato

+ Viscosa / Rayon per morbidezza

+ Termopolimeri per specifiche proprietà termiche

 

Vuoi evitare tutti i problemi sopra elencati, ma sei ancora confuso su quali fibre scegliere? Quando si scelgono le fibre è necessario utilizzare materiali di recupero (realizzati da rifiuti, sottoprodotti di altri processi, ecc.), fibre riciclate prive di microplastica, fonti rinnovabili, fibre che utilizzano metodi di agricoltura rigenerativa e che hanno il potenziale per essere riciclate.

what & how

+ Agricoltura rigenerativa per fibre positive per il clima che ripristinano la salute del suolo. Esistono molti metodi per costruire terreni resilienti e dobbiamo ringraziare i nostri agricoltori devoti per questo. Alcuni metodi includono l'incorporazione di animali per il pascolo e fertilizzanti naturali, la costruzione di campi biodiversi piantando alberi, colture di copertura per preservare il suolo, colture rotanti, aumento della fertilità del suolo con compost fungino e metodi per il cotone no-till senza le sostanze chimiche nocive! La coltivazione di questo cotone inverte letteralmente gli impatti negativi della coltivazione tradizionale del cotone e protegge la biodiversità!

+ Rigenerativo Organic Certified™  è una nuova certificazione rivoluzionaria che garantisce che aziende agricole e prodotti soddisfino gli standard più elevati al mondo per la salute del suolo, il benessere degli animali e l'equità dei lavoratori agricoli.

+ Good Earth Cotton è cotone positivo al carbonio, il che significa che la coltivazione del cotone rimuove effettivamente il carbonio dall'aria ed è anche tracciabile al 100% con la tecnologia Fibertrace. Per saperne di più clicca  qui .

+ Il cotone biologico viene coltivato SENZA PESTICIDI e semi non OGM, ma è molto difficile da ridimensionare per grandi quantità. Ma attualmente solo l'1% del cotone coltivato nel mondo è cotone biologico e con l'afflusso di prodotti in cotone biologico là fuori... qualcosa non torna! Assicurati di controllare un certificato. Per uno sguardo approfondito al cotone biologico clicca  qui .

+ FAIRTRADE cotone significa che a tutti gli agricoltori è garantito un salario di sussistenza per ciò che coltivano e vendono, e il commercio equo li aiuta anche a ridurre il loro impatto sull'ambiente riducendo l'uso di sostanze chimiche e adattandosi ai modelli di cambiamento climatico.

+ E3 Cotton è l'unico programma di cotone che alleva i propri semi di cotone consentendo la piena tracciabilità fino all'appezzamento di terreno su cui è stato coltivato il cotone. Tutti i coltivatori di cotone e3 si iscrivono e si impegnano a coltivare cotone in modo più efficiente e ridurre l'impatto sull'ambiente. Il loro cotone è certificato e verificato attraverso audit indipendenti, che consentono a E3 di tracciare specifiche misure ambientali e sociali fino a un singolo agricoltore.

+ BCI Cotton sta per BETTER COTTON INITIATIVE. Questo programma fornisce alle aziende agricole più piccole linee guida su come coltivare e raccogliere i loro raccolti in modo rispettoso dell'ambiente attraverso:

+ Usando la giusta quantità di fertilizzanti

+ Usare la giusta quantità d'acqua per l'irrigazione

+ Gestisci la semina in modo che l'acqua non si accumuli" attorno alle radici.

+ Controllare l'uso di pesticidi.

+ La canapaè nota per la sua capacità di catturare il carbonio dall'aria e può anche decontaminare i terreni inquinati. Richiede anche una quantità significativamente inferiore di acqua per crescere rispetto al cotone. La canapa è una fibra meravigliosa! Può essere miscelato con cotone, per avere un tessuto rinnovabile al 100% resistente e resistente. Ci auguriamo che un giorno la canapa possa diventare il sostituto del poliestere per dare forza ai jeans di cotone e permettere di aumentare la quantità di cotone riciclato che possono contenere.

+ REFIBRA™ è una fibra rivoluzionaria composta da tessuti di scarto di cotone e dalla rinomata fibra Tencel di Lenzing. Combina il meglio di due mondi per creare uno dei tessuti a base di legno più ecologici del pianeta. Il riciclaggio dei tessuti di scarto del cotone in tessuto vergine. Le fibre TENCEL™ offrono una soluzione pratica per spostarci verso un'economia circolare nel settore dell'abbigliamento.

+ Il cotone riciclato è il Santo Graal delle fibre! Mi piacerebbe vedere un mondo in cui sia possibile avere jeans riciclati e riciclabili al 100% in un sistema a circuito chiuso. Quando si utilizza un materiale riciclato, è possibile evitare tutte le fasi di approvvigionamento e lavorazione necessarie per produrre materiale vergine da zero, quindi l'impatto è quasi zero! Ovviamente dipende dal prodotto di scarto con cui inizi, se devi lavarlo e tingerlo di nuovo e quali fasi di lavorazione sono necessarie. In media si possono risparmiare 765.000 litri di acqua per tonnellata di cotone riciclato! Re:Newcell e Infinited Fiber sono due aziende che hanno riciclato chimicamente con successo il cotone, uno sviluppo estremamente entusiasmante per la circolazione dei rifiuti tessili! Sono in grado di trasformare cotone e viscosa usati in nuova polpa biodegradabile, da cui vengono estruse nuove fibre, e possono continuare a essere riciclate più e più volte, creando una vera economia circolare. Questa è una tecnologia molto nuova, ma sta prendendo piede grazie a partnership di marca come Levi's. Il cotone può essere riciclato anche meccanicamente, il che ha un impatto di lavorazione inferiore e richiede una tecnologia meno specifica, ma questo riduce la lunghezza della fibra, che è una misura della sua resistenza, quindi attualmente è possibile includere solo il 40% di cotone riciclato in un nuovo tessuto.

Ma! Non dimenticare mai l'impatto umano. Altro su quello su  Diari di cotone .

+ Tencel è una fibra cellulosica proveniente dalla corteccia degli alberi. È una fibra "più verde" del cotone o di molte altre fibre tessili comuni poiché viene coltivata in modo sostenibile: non sono necessari pesticidi per far crescere gli alberi e la maggior parte delle volte sono alimentati dalla pioggia. Gli alberi vengono coltivati e lavorati a una velocità che consente loro di recuperare e sono certificati FSC. Un solvente organico viene utilizzato per sciogliere i trucioli di legno in una soluzione. La sostanza chimica utilizzata per dissolvere questi trucioli è molto costosa, quindi viene riciclata al termine del processo.

+ La biomimetica è stata di grande interesse per me, tanto che ho scritto un intero articolo su di essa  qui !

Premiamo questi contadini !  Vuoi connetterti direttamente a livello di agricoltore?  Diari di cotone  e  La Fonte  ti aiuterà a farlo :)

migliori pratiche

best practices

certificazioni

Certificazioni da cercare:

+ RCS

+ GR

+ GOTS

+ REGEN BIOLOGICO (ROC)

+ C2C

+ OCS

+ RSB

+ BENEFICI PER IL CLIMA

+ Commercio equo e solidale

certifications

Hai bisogno di aiuto per trovare un fornitore o per collegarti direttamente a livello di azienda?  Contatta Simply Suzette qui .

Un grande ringraziamento a Virginia Rollando per aver contribuito con la sua esperienza nella catena di approvvigionamento!
bottom of page